1 von 6

Big Data

27. June 2017 - 4 months and 23 days ago

We’re halfway through the race season. Mountain bikers are coming back from World Cups, roadies are tuning up for nationals, and others pumping out fondos or grinding gravel on the weekends. Many of us who ride, race, and train are fortunate to use multiple bikes for these events and we create an obscene amount of data over a year of riding, let alone a lifetime. Well what are you supposed to do with all that data? And is it all valuable to look at? My quick answers are: capture it, and yes look at it. Why? Read on… It’s well established that training and racing with a power meter is the best way to monitor exercise intensity, training load, performance, and other matrices. This is particularly cemented in the road cycling culture; however, I often get questions such as “Do I really need a power meter on my mountain bike?” or “Won’t the heart rate monitor let me know about where I’m while racing on the cross bike?” Much of this comes down to budget, I get it. But you should know that capturing this data can lead to great insights about you, as an athlete. Don’t get me wrong: we can get people fit and coach world champions without power meters, but as technology improves and more cost-effective power meters come to market, there are compelling reasons to capture as much data as possible. Over the next few paragraphs, I’ll shed some light on why it’s ideal to use a power meter on more, or all, of your bikes if you’re looking to gain that cutting edge. Now, before we dive into the nerdy coach talk, please know that my whole aim for this writing is to educate you, the reader, then get a working game plan so you are equipped to optimally prepare to reach your goals. With many power meters and data monitoring devices on the market these days, it’s hard to sift through all the options to know what is best. Let’s take a look at some options while keeping the big picture, as well as your budget, in mind.  

Big Data

The phrase “Big Data” is popular and catchy in our data-driven world. But what is it? Google defines Big Data as “extremely large data sets that may be analyzed computationally to reveal patterns, trends, and associations, especially relating to human behavior and interactions.” The inner nerd within all of us just smiled at that. We’re entering a unique period in exercise physiology where we can really start to capture, quantify, and organize big data sets, especially on a bicycle, where we can computationally reveal the trends of what all the miles, intervals, and recovery blocks are doing. Thanks to these exciting advances, more and more people are investing their money into a power meter. With each pedal stroke, we get hundreds of data points, such as power, heart rate, cadence, torque, GPS location, temperature, and R/L pedal mechanics for some units. But then we have to know what to do with this data. Lucky for us, there are many people (far more intelligent than me) who have created software that can not only read all of these data points, but also organize them in a way that reports back to us how the ride went, what the athlete actually did, and gives insight into training thresholds, maximums, and current states of “freshness.” More exciting still: we’re getting into PREDICTIVE MODELING OF PERFORMANCE for athletes with these big data sets and history of training files. Some of the software options out there include the new SRMX, Golden Cheetah, Training Peaks WKO4, My Daily Plan, Strava’s online analytics, and a few others. SRM was one of the first to bring this type of technology to cyclists, not only with the first commercial power meter, but a cycling computer with real-time feedback and an analytical software called SRMWin to organize rider’s data. No other company had software to do that. So, what the German company created was more than just a power meter, it was a complete SRM Training System. They keep evolving with the market, this time launching the new SRMX software. It has a lot to offer, so much that it’s best to look at few key features on a higher level, then dive in deep on the next article. With that being said, let’s dive right in!

SRMX

On top of storing all historical files for review at any time, the new SRMX has many upgrades as well as tried-and-true matrices including auto FTP calculation, HR-to-Power Slope Charts, Critical Power Curve analytics, custom training zones, and mapping features. The Critical Power Chart is seen below: 

0 comments views

Workshop: "Performance Diagnostics in Endurance Sports"

22. May 2017 - 5 months and 28 days ago

L’analisi della performance rappresenta un fondamento essenziale per l’organizzazione e la struttralizzazione dei programmi di allenamento al fine di ottimizzare la forza e la resistenza degli atleti.  “Consumo massimo di ossigeno”, “Lattato” e “Soglia anaerobica” sono termini usati comunemente nel vocabolario degli allenatori e degli atleti. I parametri sono poi  determinati ed interpretati da specialisti. Con questo corso pratico riceverai approfondimenti dettagliati delle possibilità di diagnostica delle performance ed importanti parametri di analisi. (Spiroergometria, diagnosi del lattato, Ergometro SRM). 

0 comments views

ATTIVATO IL WIFI PER IL PC8

16. March 2017 - 8 months and 3 days ago

Benvenuti al nuovo livello del PC8

Un aggiornamento per migliorare gare ed allenamenti!

 

0 comments views

Collaborazione SRM e Look

20. February 2017 - 8 months and 29 days ago

20 Febbraio 2017 SRM, punto di riferimento e leader nel settore dei misuratori di potenza, ha annunciato la collaborazione strategica con LOOK Cycle, azienda leader nel settore dei pedali a sgancio rapido, delle bici e dei componenti in carbonio.
 
SRM e LOOK Cycle lavoreranno insieme all’ideazione, allo sviluppo ed al piano marketing di prodotti e servizi innovativi sia per quanto riguarda la parte elettronica che quella dei componenti. LOOK Cycle che progetta e fabbrica i prodotti ed i telai direttamente nelle proprie sedi, contribuirà con il suo straordinario know-how ad ampliare ulteriormente la gamma dei prodotti SRM; dall’altra parte SRM, azienda che ha inventato la misurazione della potenza per il ciclismo, contribuirà con la sua trentennale esperienza nei sistemi elettronici e nel trattamento dei dati, ad accrescere il mercato futuro di LOOK Cycle.
 
Il primo progetto vede protagonista una sofisticata pedivella in carbonio per il nuovo PowerMeter SRM Origin. Il PowerMeter, così chiamato per avere tutte le componenti progettate da SRM, è stato presentato ad Eurobike lo scorso autunno ed è caratterizzato da un rivoluzionario concetto che lo rende adattabile e compatibile senza limitazioni ai telai da strada, MTB e pista, semplicemente cambiando l’asse. Con il contributo di LOOK Cycle, il PowerMeter sarà dotato delle pedivelle di alta gamma presenti sul mercato, con tecnologia LOOK Trilobe che permette di avere in una sola pedivella tre lunghezze contemporaneamente: 170mm, 172.5mm, 175mm.
 
Il PowerMeter Origin è caratterizzato da una rigidità eccezionale in rapporto al suo peso e sarà in dotazione per questa stagione al Team Bahrain-Merida ed al team AG2R La Mondiale. Ecco alcune considerazioni: Brent Copeland, General Manager, Bahrain?Merida Pro Cycling Team: “L’allenamento degli atleti del team Bahrain?Merida è uno degli aspetti più importanti in cui investiamo per la squadra. SRM è il punto di riferimento dei misuratori di potenza e noi siamo orgogliosi di fornire ai nostri atleti uno strumento così valido per l’allenamento”. Vincent Lavenu, General Manager, Pro Cycling Team AG2R La Mondiale: “Il 2017 è un anno rivoluzionario per l’AG2R La Mondiale in termini di equipaggiamenti. In aggiunta alla nostra nuova flotta di biciclette Factor, siamo entusiasti di collaborare con SRM e dare ancora il miglior misuratore al Team. L’SRM Origin PowerMeter offre un nuovo standard di benefici ai team professionistici con una guarnitura LOOK eccezionalmente leggera e modulabile accoppiata ai pedali LOOK.” Ulrich SCHOBERER, CEO e fondatore di SRM: “E’ estremamente stimolante per SRM, il marchio che ha rivoluzionato il ciclismo cambiando il modo in cui gli atleti si allenano e gareggiano attraverso il primo PowerMeter, collaborare con LOOK, un marchio icona nel ciclismo, che condivide come noi la stessa passione per l’innovazione, la precisione e la maestria”. Federico MUSI, CEO di LOOK Cycle: “Siamo entusiasti di avere l’opportunità di vedere LOOK, il miglior marchio di pedali a sgancio rapido e fabbricazione del carbonio, collaborare con SRM, riferimento nell’elettronica e nei misuratori di potenza per ideare prodotti eccezionali, innovativi e più intelligenti che forniranno emozioni straordinarie alla nostra comunità di clienti”.

 

0 comments views

Costruzione di un PowerMeter SRM

08. October 2016 - 1 year, 1 month and 11 days ago

Lo sapevate che il PowerMeter SRM è costruito a mano in Germania (Julich), Stati Uniti (Colorado Springs), Italia (Lucca) e Nuova Zelanda (Christchurch)? Vi facciamo dare un'occhiata veloce al dietro le quinte degli otto giorni di lavoro che servono per la costruzione di ogni PowerMeter.  Dalla preparazione del telaio, all'applicazione degli strain gauges, alla saldatura degli interruttori reed ed alla calibrazione del prodotto finito, potete vedere il livello di precisione che contraddistingue SRM. I principi di SRM quali l'accuratezza, la perfezione e la durevolezza sono elementi che si trovano solo in prodotti fatti a mano; controlla e ri-controlla, testa e ri-testa, pedala e ri-pedala.... Siamo ingegneri, pionieri e ciclisti. Pedala con noi. Pedala con SRM. 

0 comments views